Concorso per Giovani, 1.000 euro per pubblicare un articolo

UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) in collaborazione con Associazione Carta di Roma promuove il premio DyMove (Diversity On The Move), concorso giornalistico riservato agli studenti delle scuole di giornalismo e agli under 35 iscritti all’Albo dei giornalisti sui temi della diversità e dell’inserimento lavorativo di categorie a rischio di discriminazione.

 

Potranno partecipare al contest solamente articoli inediti, redatti in lingua italiana e che non superino le 10.000 battute, focalizzati sul tema de ‘L’inserimento e la valorizzazione della diversità nel mondo del lavoro

Per diversità ci intende l’appartenenza ad una categoria a richio di discriminazione per:

• etnia;

• orientamento sessuale;

• identità di genere;

• età;

• disabilità;

• religione.

 

La partecipazione al concorso è aperta agli studenti delle scuole di giornalismo riconosciute dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e ai giovani giornalisti iscritti all’Albo Professionisti oPubblicisti che non abbiano compiuto i 35 anni. Ciascun concorrente può partecipare con un solo elaborato.

La Commissione decreterà il vincitore sulla base dei seguenti criteri:

• attinenza col tema oggetto del concorso;

• originalità;

• completezza dell’informazione;

• rigorosità scientifica;

• capacità divulgativa;

• stile dell’esposizione.

 

Il premio per l’articolo ritenuto vincitore dalla Commissione consiste in 1.000,00 (mille) euro e la pubblicazione sul periodico online Repubblica.it, media partner del progetto. Inoltre, l’articolo potrà esser e diffuso nell’ambito di campagne informative e di sensibilizzazione elaborate dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Associazione Carta di Roma.


Per partecipare al concorso per giornalisti c’è tempo fino al 30 Giugno 2015.

Per maggiori informazioni, per scaricare il bando e il modello per la domanda di ammissione al Contest potete visitare la pagina relativa sul sito dell’Unar.